Il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio “benessere”, quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento dello stato di salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone o indicandone anche le modalità di assunzione; Il biologo nutrizionista può:

• Determinare diete ottimali per mense aziendali, collettività, gruppi sportivi etc. in relazione alla loro composizione ed alle caratteristiche dei soggetti;

• Determinare diete speciali per particolari accertate condizioni patologiche in ospedali, nosocomi, ecc…;

• Consigliare integratori alimentari qualora la dieta non sia sufficiente a soddisfarei bisogni energetici nutritivi.

• Il biologo nutrizionista può svolgere la professione in totale autonomia. Nello svolgimento dell’attività è possibile utilizzare apparecchi non invasivi, ritenuti di ausilio nella rilevazione di parametri utili alla valutazione dello stato nutrizionale ed energetico della persona.

La professionalità e la competenza del biologo in materia di nutrizione non può mai essere messa in discussione, spesso però succede ancora, diventando l’agorà di troppe, spesso e sempre inutili discussioni.

Il Biologo Nutrizionista VADEMECUM per la professione; A cura di: P. Pecoraro e G. Zocchi

Vai alla barra degli strumenti